L’associazione dei produttori che rappresenta 12mila imprese di trasformazione con 300mila occupati chiede stabilità nei rapporti con Londra: senza accordo effetti devastanti. Per l’Italia a rischio un surplus di 200 milioni

L’interruzione dei flussi logistici che un accordo mal gestito tra l’Ue e il Regno Unito potrebbe implicare, avrebbe effetti devastanti per l’intera filiera lattiero-casearia europea, forzando i prezzi, limitando le scelte dei consumatori e impattando negativamente sulle abitudini alimentari e sulla dieta dei cittadini. 

Redazione Asso FIR